Costruire passo passo una strategia di Email Marketing di successo

Hai la sensazione di non avere una buona strategia di email marketing?
Vorresti andare oltre la configurazione del modulo d'iscrizione?

In questo articolo trovi alcuni consigli pratici per muovere i passi giusti verso una strategia di e-mail marketing intelligente, mediante la costruzione di una lista di contatti, la fidelizzazione degli utenti e l’avvio di relazioni solide finalizzate a colpire il tuo target con offerte presentate al momento giusto. Cominciamo!

#1 Iscriviti ad un Service Provider affidabile

Per assicurarsi di sviluppare al meglio la tua strategia di email marketing occorre innanzitutto scegliere un software affidabile che fornisca servizi efficaci per aiutarti a contattare, raccogliere e tracciare i tuoi utenti.
Questo software ti aiuterà a:

  • Gestire l'iscrizione e la disiscrizione dei tuoi contatti;
  • Non infrangere il "Codice in materia di protezione dei dati personali", con il quale si specificano i termini per inviare e-mail commerciali;
  • Fornire modelli di e-mail mobile-friendly ovvero a prova di smartphone e tablet;
  • Tracciare e avere un report del comportamento dei destinatari, ad esempio il tasso di apertura, la percentuale di clic e il numero di utenti che si cancellano.

Scegli bene lo strumento a cui affidarti prima di stabilire una relazione duratura, perché cambiarlo in corsa può essere svantaggioso. Per scegliere bene considera il tuo budget, il supporto tecnologico che fornisce e l’interfaccia utente del servizio.
In Adviva utilizziamo principalmente Mailchimp (offriamo anche servizi di consulenza e formazione all'avvio di questo fantastico strumento), ma anche MailUp e SendBlaster sono valide alternative.

#2 Aggiungi moduli di iscrizione con stimoli allettanti a cui i tuoi utenti non possano proprio rinunciare

Scelto lo strumento giusto per la gestione delle e-mail, è tempo di invitare le persone ad aggiungersi alla tua nuova lista. Inserisci nel tuo sito forme di iscrizione per raccogliere i contatti partendo dalle forme più semplici, come i moduli nella sidebar, le pop-up o i ganci nel footer.
Si iscriveranno più persone se avranno un incentivo a farlo, uno stimolo semplice e utile: buoni sconto sono sempre una buona idea ma non sottovalutare anche il potere delle informazioni.

L'obbiettivo è di creare contenuti convincenti, per i quali i tuoi lettori/clienti non esiteranno a lasciarti il loro indirizzo e-mail per ottenerli.

Forse dovrai provare diverse strade prima di individuare l’incentivo migliore per il tuo target. Crea il primo stimolo velocemente, testalo, vedi se funziona e verificane il risultato.

#3 Costruisci attivamente la tua e-mail list

Ora che i visitatori hanno un modo per unirsi alla tua comunità, è il momento di integrare attivamente la tua lista di contatti .
Puoi provare queste tecniche consolidate:

  • Post nel blog che indirizzano i lettori ad iscriversi;
  • Social media marketing strategico;
  • Webinar mirati, utili e divertenti.

#4 Invia ai tuoi iscritti contenuti utili. Regolarmente!

Appena guadagni iscritti, inizia a mandare loro contenuti di qualità attraverso newsletter, la regolarità è importante ma non esagerare nella frequenza.

Invia regolarmente i contenuti agli utenti iscritti, produci valore e spingi i membri della comunità a cliccare sui link nella tua e-mail.

Ricordati però di non infrangere le disposizioni del Codice in materia di protezione dei dati personali, e di ripulire la lista dalle email non più utilizzate, prima di cliccare il bottone «INVIA». Attenzione: un buon software quest'ultima azione la fa in automatico, da tenere in considerazione durante la fase #1.

#5 Proponi contenuti esclusivi per gli iscritti e usa le call-to-action in modo strategico

Una volta che hai costruito solide relazioni e fidelizzato gli utenti attraverso contenuti gratuiti, puoi mandare loro offerte commerciali via email.
Falli sentire parte di un rapporto sincero, di una relazione speciale e riserva loro un trattamento unico, esclusivo. Sarà molto più difficile per loro abbandonarti o disiscriversi.

Che si tratti di messaggi con offerte oppure con informazioni non cambia: incoraggia sempre con una call-to-action (chiamata all'azione) l’utente a fare il passo successivo, attirandolo nel tuo sito.

Di cosa stiamo parlando? Di accertarsi di inserire sempre un bel pulsantone, con una azione chiara da compiere per il tuo utente :«Scopri di più», «Acquista», «Prenota», «Tuffati in piscina» ...quale azione vuoi far compiere ai tuoi destinatari?
I link della call-to-action devono essere chiari, evidenti, intuitivi, facili da cliccare e funzionano meglio quando si distinguono visivamente - in particolare sui dispositivi mobili - quindi fai buon uso della grafica.

#6 Ripeti gli step 3 e 5

La tua strategia di email marketing è un processo in continua evoluzione, hai bisogno di aggiornare continuamente i tuoi contatti e di inviare i messaggi giusti ripetendo nel tempo i passi 3 e 5.
Una buona mossa è valutare/analizzare periodicamente la strategia e l’accuratezza dei messaggi inviati, per essere certi che le e-mail inviate raggiungano le aspettative volute: valuta, aggiusta il tiro, stupisci i tuoi iscritti, evita la noia, osa.

In sintesi

Gli utenti fidelizzati sono una risorsa preziosa per la tua azienda.
E la newsletter può essere un ottimo strumento per raggiungerli e ricordargli di te - un mezzo da usare con rispetto dei destinatari e con garbo!

Tom Hanks in "C'è posta per te"

E se qualcosa non ti è chiaro, ecco il glossario dei termini di E-mail Marketing

  • Email Service Provider (ISP): è una società che fornisce servizi di email marketing e in generale servizi di posta elettronica.
  • Lista email o lista: Sono gli indirizzi e-mail degli utenti iscritti. L’elenco spesso viene profilato includendo altre informazioni come nome, cognome, numero di telefono e indirizzo ecc.
  • Modulo di iscrizione: È il modulo sul sito web che le persone usano per iscriversi alla newsletter.
  • "Codice in materia di protezione dei dati personali", pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2003: è la disciplina italiana che regola la privacy e l’invio di mail commerciali agli utenti definendo i limiti entro cui svolgere attività di Spam.
  • Tasso d’apertura (open rate): percentuale di destinatari che hanno effettivamente aperto l'e-mail a loro inviata.
  • Tasso di clic (CTR): percentuale di destinatari che cliccano sui link presenti nella mail.